31 Maggio 2017

GroupM lancia [m]PLATFORM in Italia

GroupM, media holding del gruppo WPP, ha annunciato a fine 2016 il lancio globale di [m]PLATFORM, un ecosistema che si fa forte di dati, tecnologie e competenze per affrontare le nuove sfide imposte dal digitale. Sfide che si posizionano in un contesto in cui la quota investita dai brand in pubblicità online -  secondo il report annuale GroupM “Interaction” -  continua a crescere e proprio nel 2017 sorpasserà quella offline in altri 5 Paesi (tra cui Francia e Germania) che si aggiungono ai 10 mercati in cui ciò avviene già, tra cui i più importanti del mondo (Canada, Cina e UK). La piattaforma [m]PLATFORM incrementa, quindi, la capacità di GroupM di offrire ai propri clienti una più approfondita conoscenza del consumatore, ottenuta combinando assieme centinaia di fonti di dati, siano esse online o offline, permettendo loro di rintracciare e comunicare con il proprio target su tutti i canali media, in maniera puntuale. Un importante investimento per trasformare il Marketing e renderlo addressable e accountable in tutte le sue sfaccettature.

L’Italia è uno dei primi mercati ad essere operativo con [m]PLATFORM, subito dopo US e Germania.

Perché nasce [m]PLATFORM

Meno del 10% degli inserzionisti ha una conoscenza completa dei propri consumatori: le aziende infatti dispongono di grandi quantità di dati provenienti da diverse fonti, ma spesso non hanno la possibilità o le competenze per integrarli e giungere ad una corretta lettura.

“In un mondo che ci vede oramai diventati tutti esploratori digitali, saltiamo repentinamente da un canale all’altro per informarci e confrontare i vari prodotti da acquistare: è sempre più difficile quindi rintracciarci con esattezza. Basti pensare che circa il 74% dei consumatori usa 3 o più canali per le proprie interazioni con gli inserzionisti. La chiave del successo è quindi coordinare l’integrazione tra i canali, riuscire a gestire l’ingaggio durante un sempre più articolato Consumer Journey e garantire una corretta esposizione pubblicitaria, misurandone puntualmente i risultati. Una buona strategia di marketing deve quindi saper integrare il “mondo digitale” e il “mondo fisico”: grazie alle nuove tecnologie che raccolgono e analizzano una mole di dati fino a poco tempo fa inimmaginabile, oggi questo è possibile.” - dichiara Fides Tosoni, Chief Digital Transformation Officer di GroupM Italy e da oggi anche Executive Chairman di [m]PLATFORM Italy

Il fulcro di [m]PLATFORM: l’mP-ID

[m]PLATFORM mette quindi il consumatore al centro partendo proprio da un unico ID, appunto l’mP-ID. La piattaforma si propone di rompere le barriere e di creare una visione unificata delle informazioni sul consumatore per renderla azionabile sui diversi media e per misurare l'efficienza e l'efficacia della comunicazione attraverso una sua rilevazione puntuale. La tecnologia nasce dalla messa a fattor comune delle tecnologie che GroupM ha sviluppato nel corso degli anni in ambiti Data, Digital advertising e Analytics, unendo sotto un unico cappello i team di ingegneri e data scientist di Xaxis, Connect e Data&Analytics, con l’obiettivo di creare un’offerta semplificata e accessibile a tutti i clienti del Gruppo.

Solo in Italia GroupM conta 70 milioni di IDs (1.1 miliardo a livello globale), ovvero i cookie e gli identificativi mobile che rappresentano digitalmente il consumatore e che registrano le interazioni eseguite. Questi identificativi digitali, gli mP-IDs, corrispondono a 26 milioni di persone - circa il 50% della popolazione italiana e più dell’80% degli utenti online. Essi, attraverso il riconoscimento cross-device dell’utente (che mediamente utilizza 2-3 device, che siano smartphone, tablet o pc – da cui ne derivano i 70 mio di IDs), opportunamente reso anonimo nel rispetto delle tematiche di privacy, definiscono il ritratto corrispondente alla persona: il suo profilo socio demografico; le tipologie di interessi storici, ricorrenti e predittivi; il tipo di device che utilizza; il profilo geo comportamentale dedotto dai luoghi fisici che frequenta e anche il profilo di consumo media o di acquisto. Essendo un ecosistema aperto, è inoltre integrabile con dati di terze parti, come ad esempio editori di siti verticali o siti e-commerce, utilizzati per arricchire la conoscenza sempre più specifica del nostro consumatore.

Questa tecnologia è integrata anche con Live Panel, ricerca proprietaria GroupM, che consente di aggiungere informazioni su atteggiamenti di consumo e fruizioni media derivanti dal “mondo fisico”.

Gli mP-IDs sono racchiusi in mCore, la Data Management Platform, che nasce dalle solide e consolidate fondamenta di Turbine di Xaxis.

Per supportare la creazione delle strategie saranno quindi disponibili strumenti di media planning cross-canale, creatività dinamiche, sistemi di analisi e insight sul consumatore, di data-visualization per avere informazioni sempre aggiornate in real-time e i modelli di attribuzione per misurare il ritorno sull’investimento, rilasciati nel corso del secondo semestre dell’anno. In particolare, nell’ambito dei servizi di Business Intelligence, GroupM ha già rilasciato una suite di reporting evoluta, che consente ai team di planning delle agenzie di reperire velocemente benchmark di tutti i formati advertising per concessionaria e tipologia di acquisto su tutte le principali metriche media, al fine di valutare le decisioni di buying e ottimizzare lo spending.

L’approccio consumer centric di [m]PLATFORM porterà numerosi benefici ai nostri clienti: la creazione di un’unica audience per tutti i canali per avere un’affinità massima e riduzione della dispersione; la possibilità di arricchire i dati per una maggiore conoscenza del consumatore; l’impiego di tecnologie di machine learning per ottimizzare i risultati di business delle pianificazioni; la reportistica sulla totalità del piano per una corretta attribuzione del budget speso e del ritorno sull’investimento.

[m]PLATFORM in Italia

Grazie alla potenza dell’assetto tecnologico di [m]PLATFORM, la nuova organizzazione interna a GroupM offrirà servizi innovativi alle agenzie MEC, Mindshare, Mediacom e Maxus, e quindi ai loro clienti. Al cuore dell’operazione, un significativo rafforzamento strutturale, con la creazione di una nuova area dedicata ai servizi Data Driven, accanto alla già operativa Xaxis e ai servizi digitali del Gruppo, con un potenziamento del team e delle competenze chiave.

Giovanna Loi, precedentemente Managing Director di Xaxis Italy, assume il ruolo di Managing Director di [m]PLATFORM Italy. La nuova struttura si sintetizza in 3 aree operative, rispettivamente: Data & Insight - il cuore nevralgico dei servizi di analisi consumer centric che vanno dalle Audience Discovery & Building, Analytics, Attribution Modeling, Data Visualization al Marketing Mix Modeling; Service - l’expertise dei servizi a valore aggiunto, con la possibilità di scegliere quale attivare e con quale modello di costo, modulare e trasparente, in ambito Programmatic, Search, Social e Ad Operations; Media - le soluzioni innovative offerte da Xaxis, Light Reaction e Plista in ambito Branding, Performance e Native advertising, che garantiscono risultati misurabili mettendo insieme dati, tecnologia e servizio in una soluzione all-inclusive che semplifica l’approccio ai clienti e ne garantisce gli outcome.

 

 


GroupM

Please fill in the below information to receive a copy of the report.



Name:

Title:

Company:

Email: