GroupM lancia una serie di ricerche sull’e-commerce

  • Previous article
  • Next article
Thumbnail

GroupM lancia una serie di ricerche sull’e-commerce, in particolare sull’impatto del commercio elettronico sul business, sui consumatori e sui media, analizzando la relazione che si viene a creare tra i brand e gli utenti.

Per realizzare questi studi, il Gruppo utilizza Live Panel eCommerce Edition, una declinazione realizzata ad hoc del Live Panel, sistema di ricerca di GroupM nato per fornire informazioni sul consumatore a livello socio-demografico, attitudinale e comportamentale su atteggiamenti di consumo e fruizioni media.

Focus su private label e influencer

Nei prossimi giorni verranno presentati i risultati dell’analisi del ruolo delle private label e degli influencer nei marketplace digitali. Nello specifico si andrà a indagare quali sono le percezioni e la credibilità delle marche private “prodotte” direttamente dalle piattaforme di e-commerce. Contemporaneamente si analizzeranno i nuovi ruoli e le nuove alleanze che si stanno stringendo tra influencer e promozione degli acquisti online.

Se da una parte, come già accaduto al mercato della grande distribuzione, le private label dei merchant guadagnano la credibilità degli eShopper, dall’altra gli influencer, con le loro attività di promozione, contribuiscono a generare un impatto positivo sull’immagine e la percezione dei brand che vivono sui social network. Il 43% degli eShopper, infatti, si dichiara propenso all’acquisto di prodotti o servizi private label e 3 su 4 considera che il coinvolgimento di influencer sia un vantaggio per l’equity di marca. L’orizzonte temporale si sposterà su una scala più ampia e s’indagheranno le percezioni e le aspettative verso l’era dell’omni-commerce, una dimensione nella quale le piattaforme potrebbero convergere in un unico ecosistema.

L’apertura verso nuovi scenari vede il consumatore misurarsi con quella che, a proprio parere, sarà la diffusione di nuovi servizi o prodotti che riguardano non solo la sfera collettiva, ma anche quella privata. Alcuni settori sembrano essere pronti ad entrare nel portfolio di servizi offerti dalle piattaforme digitali, come il trasporto pubblico: quasi il 50% degli eShopper, infatti, si dichiara pronto a salire su un bus di linea di trasporti di una piattaforma di eCommerce. Per altri si aprono scenari interessanti: già il 20% degli acquirenti online si dichiara interessato a sottoscrivere un piano pensionistico da una piattaforma digitale.

 

Leggi l'articolo completo su engage.it

 

 

  • Previous article
  • Next article